Open Arms, TAR Lazio sospende divieto d'ingresso

mercoledì 14 agosto 2019 - 19.01

Colpo di scena sul caso Open Arms: il TAR del Lazio ha disposto la sospensione del divieto d'ingresso nelle acque territoriali italiane, consentendo lo sbarco dei 147 migranti che da una decina di giorni erano a bordo della nave della ONG bloccata in acque maltesi.

Esaminati i rapporti medici e le relazioni psicologiche, i giudici hanno rinvenuto la condizione "eccezionale gravità ed urgenza" che giustifica la concessione della richiesta di approdo presso il più vicino porto italiano e "l'immediata assistenza alle persone soccorse maggiormente bisognevoli".

Contesta questa decisione il Ministro dell'Interno Matteo Salvini che accusa: "C'è un disegno per tornare indietro ed aprire i porti italiani, per trasformare il nostro paese nel campo profughi d'Europa. Ma io non torno indietro". E poi aggiunge: "Nelle prossime ore firmerò il mio no perché complice dei trafficanti non voglio essere".

Questa mattina, il Premier Giuseppe Conte, in una lettera inviata a Salvini, aveva sollecitato almeno lo sbarco dei minori a bordo, richiamando le norme che impegnano a dare assistenza ai minori e alle persone in difficoltà.

E sempre quest'oggi, la ONG spagnola assieme a Medici senza frontiere (Msf) avevano lanciato un nuovo appello per l'approdo in un porto sicuro, a causa del peggioramento delle condizioni meteo.


Stampa Chiudi
Teleborsa